Pressing

PRESSING
In gergo: PRESSING (dall’inglese pressing).

Quali sono gli effetti della tattica?
L’obiettivo del pressing è quello di eliminare/cancellare dalla partita una o più delle 10 azioni normali che ogni gara dovrebbe avere.
È possibile pressare, e quindi annullare, da un minimo di 0 ad un massimo di 4 azioni a partita (anche di più, se entrambe le squadre pressano).
Sul funzionamento della tattica ci sono ancora molti dubbi: quello che è certo è che non si sa a quale delle due squadre in campo viene eliminata l’azione pressata.

Come si calcola l’abilità della tattica?
L’abilità della tattica dipende dal livello della skill difesa e della skill resistenza dei propri giocatori in campo (portiere escluso), oltre al loro livello di esperienza; inoltre, sono molto utili i giocatori con la specialità Potente, poiché per loro viene raddoppiato il valore della skill difesa (solo per quanto concerne l’apporto all’abilità del pressing).
Maggiore è l’abilità della tattica, maggiori probabilità si hanno di eliminare delle azioni.
L’abilità della tattica NON dipende da quante volte la si utilizza: se una squadra ha i giocatori adatti, può raggiungere una abilità nella tattica molto alta, anche se la utilizza per la prima volta.

Quali sono gli svantaggi della tattica?
Lo svantaggio del pressing, oltre a non sapere quale delle due squadre perde l’azione pressata, sta nel fatto che i giocatori tendono a stancarsi più rapidamente.

Quali sono i moduli consigliati per giocare pressing?
Visto che per un buon pressing è necessario avere alti valori di difesa, i moduli più adatti sono quelli che contemplano l’utilizzo di tanti difensori, quindi il 451 o il 541; tendenzialmente, si cerca anche di avere un discreto centrocampo, per questo si fa raramente ricorso a un modulo come il 532, che contempla sì 5 difensori, ma che appare più utile per giocare in contropiede.

Quando conviene giocare Pressing?
Decidere quando giocare una tattica dipende non solo dalle caratteristiche dei propri giocatori, ma anche dal confronto tra le proprie valutazioni e quelle che si pensa possa fare l’avversario.
Nello specifico, conviene giocare pressing quando si pensa di essere inferiori a centrocampo, (senza avere le caratteristiche per impostare un contropiede), ma anche quando si ha un po’ più di possesso ma si reputa che l’attacco avversario sia molto più pericoloso del nostro.
Nel primo caso, se l’avversario ha più possesso e quindi, statisticamente, più azioni, sarà più probabile eliminare una sua azione che non una nostra; nel secondo caso, pressare potrebbe consentirci, con un po’ di fortuna, di eliminare qualche sua azione probabilmente pericolosa.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.