Archivi categoria: Tattiche

La tattica tiri da fuori è pronta all’uso

La tattica tiri da fuori è pronta all’uso

La tattica tiri da fuori è finalmente pronta per essere testata nelle amichevoli. La includiamo già da questa settimana, per un ultimo beta test, in quanto la nuova tattica sarà disponibile già dall’inizio della prossima stagione. Tiri da fuori è una opzione d’attacco per le squadre che faticano a trovare la via del gol con i normali attacchi centrali/laterali, ma potrebbe tornare utile anche a squadre che incontrano avversari con una difesa molto forte.

Tiri da fuori

Quando usi la tattica tiri da fuori i tuoi giocatori sono istruiti a tentare il tiro dalla distanza piuttosto che orchestrare un’azione d’attacco. In altre parole, baratti le azioni dell’attacco centrale/laterale in cambio di tiri da fuori. Un tiro dalla distanza quindi mette di fronte tiratore contro portiere. Questa tattita può essere utile se la tua squadra ha difficoltà a segnare con il normale attacco centrale/laterale, ma ha dei buoni tiratori.

Vantaggi: La tattica tiri da fuori converte circa il 30% degli attacchi centrali e laterali.

Svantaggi: Il tuo attacco centrale e laterale, oltre al tuo centrocampo, peggiora leggermente.

L’abilità nella tattica è data da: Abilità in attacco e calci piazzati dei tuoi giocatori di movimento. Attacco è tre volte più importante di calci piazzati.

Quando un attacco è stato convertito in tiro da fuori, la squadra difendente che giochi con la tattica pressing ha più possibilità di annullare l’opportunità di tiro. Se l’azione non viene bloccata, un giocatore di movimento (centrocampisti e ali hanno il doppio delle possibilità) tenta il tiro. La qualità del tiro dipende dall’abilità in attacco e calci piazzati del tiratore, mentre il portiere può tentare la parata usando l’abilità in parate e calci piazzati. Per entrambi (tiratore e portiere): Sono richieste entrambe le skill, ed è meglio averne poca di entrambe piuttosto che tanta di una soltanto.

Tutti i tiri da fuori sono riportati nella cronaca, incluse le opportunità annullate.

Non c’è squadra in Hattrick che possa avvantaggiarsi troppo da questa tattica nell’immediato, anche se le squadre con ottimi tiratori di calci piazzati partono in pole position. Con il tempo speriamo di veder costruire più squadre con buoni tiratori.

TI – Tutti Indietro

TI (Tutti Indietro)

Cosa si intende per TI?
Per TI si intende un modo di giocare volto a massimizzare le valutazioni della difesa e, in secondo luogo, del centrocampo, rinunciando completamente all’attacco.
L’obiettivo del TI è quello di non prendere gol, grazie a una superdifesa in grado di resistere agli attacchi avversari, e a un centrocampo che possa garantire un discreto possesso palla (più azioni si hanno a disposizione, meno ne restano all’avversario).

Come si segna col TI?
Per segnare col TI si hanno 2 armi a disposizione:
– Gli Special Event, che sono indipendenti dalle valutazioni; è quindi necessario munirsi di giocatori con le specialità adatte per massimizzare la possibilità di avere SE a favore (molti colpitori di testa, centrocampisti veloci da mettere come ali verso il centro o attaccanti difensivi, ecc.).
– I calci piazzati (punizioni e rigori), la cui realizzazione è indipendente dalle valutazioni del proprio attacco rispetto alla difesa avversaria, ma dipende dall’abilità del proprio tiratore; è quindi necessario avere in squadra un divino molto alto in calci piazzati, che abbia molte probabilità di convertire in gol eventuali rigori o punizioni a favore. In questo senso è importante avere più possesso palla possibile, che non solo lascia meno azioni all’avversario, ma che incrementa anche la possibilità di avere uno o più calci piazzati a favore.

Con che moduli si gioca il TI?
I moduli consigliati sono quelli che prevedono la presenza di più difensori e centrocampisti possibili; pertanto si utilizzano il 451 e il 541, dove l’unica punta è un centrocampista schierato attaccante difensivo, per incrementare ulteriormente il proprio centrocampo.
Il 550 è sconsigliato, poiché la mancanza di routine del modulo genera confusione, che si riflette in un abbassamento della valutazione del centrocampo, e quindi in una perdita di possesso palla.
La bravura di chi gioca TI sta nel bilanciare al meglio le valutazioni di difesa e centrocampo in relazione all’avversario di turno, quindi capire quando è il caso di rinunciare a qualcosa a centrocampo per rinforzare il più possibile la difesa, o quando è maggiormente conveniente avere più possesso per limitare il più possibile il numero di azioni dell’avversario.
Solitamente si abbina al TI il pressing, per eliminare azioni dalla partita (anche se così si rischia di eliminare un proprio calcio piazzato), o il contropiede, per sfruttare col proprio tiratore eventuali contropiedi che sfociano in calci piazzati.
La Libertà d’Inventiva, che aumenta la probabilità di fare SE, non è consigliata, sia perché aumenta anche il rischio di subire Special Event, sia perché abbassa le valutazioni della difesa.
Se un manager decide di puntare quasi sempre sul TI, è bene che assuma un allenatore difensivista.

Quali sono i punti di forza e di debolezza del TI?
Il punto di forza di un TI ben giocato è che, grazie ad una difesa che sovrasta l’attacco avversario su ogni lato e grazie a un centrocampo che limita il numero di azioni della squadra opponente, si lasciano all’avversario poche possibilità di segnare (numero limitato di azioni, combinato con una bassa probabilità di concretizzarle in gol).
Il punto di debolezza del TI sta nel fatto che si rinuncia all’attacco, quindi ci si mette nella condizione di poter segnare solo su SE o su calci piazzati, eventi che non sempre capitano molto frequentemente nella stessa partita.

TA – Tutti Avanti

TA (Tutti Avanti)

Cosa si intende per TA?
Per TA si intende un modo di giocare volto a massimizzare il centrocampo e l’attacco, per avere un elevato possesso palla e un attacco in grado di concretizzare le azioni/palle gol che si hanno così a disposizione.
Il TA si gioca senza difensori di ruolo in campo: gli slot della difesa sono occupati da centrocampisti schierati come difensori offensivi (per aumentare la valutazione del centrocampo), e da ali schierate come terzini offensivi, per massimizzare l’attacco laterale.

Con che moduli si gioca il TA?
I moduli consigliati sono due: il 352 e il 343; gli altri moduli avrebbero poco senso.
Le valutazioni del centrocampo e dei tre lati di attacco si possono tarare in base a come si decide di schierare i giocatori in campo.
Ad esempio, negli slot della difesa si possono schierare 2 difensori offensivi e un terzino offensivo (più forza a centrocampo), o viceversa (più forza sui due attacchi laterali); a centrocampo si possono utilizzare ali verso il centro per incrementare il proprio centrocampo e il proprio possesso (a scapito dell’attacco laterale), o le ali offensive per avere attacchi laterali forti, se si ritiene di avere un centrocampo già abbondantemente superiore a quello dell’avversario.
La bravura di chi gioca TA sta nel bilanciare al meglio le valutazioni di centrocampo e attacco, in relazione all’avversario di turno, quindi capire quando è il caso di rinunciare a qualcosa in attacco per avere più possesso palla, o quando è il caso di avere attacchi molto forti senza pompare a dismisura il centrocampo.
Se un manager decide di puntare quasi sempre sul TA, è bene che assuma un allenatore spregiudicato.

Quali sono i punti di forza e di debolezza del TA?
Il punto di forza di un TA ben giocato è che, grazie ad un centrocampo in grado di garantire un buon possesso palla (quindi più azioni) e un attacco forte in grado di concretizzarle, ci si mette nelle condizioni di poter segnare parecchi gol.
Il punto di debolezza del TA sta nel fatto che si rinuncia alla difesa, quindi ci si mette nella condizione di rischiare di subire gol a ogni azione avversaria; proprio per questo bisogna assicurarsi una netta superiorità negli altri reparti (in particolare a centrocampo), per cercare di fare un gol in più dell’avversario.
Un altro vantaggio del TA è che presentando una difesa molto bassa, di fatto non subisce le penalizzazioni alla difesa di tattiche come AIM, AOW o LI (perché l’abbassamento percentuale di una valutazione piccola è una quantità molto piccola).

CAEX – Contropiede Estremo

CA ESTREMO (Contropiede estremo)

Cosa si intende per CA estremo?
Per CA estremo si intende un contropiede giocato con moduli inusuali, nei quali si rinuncia totalmente al centrocampo e si punta solo a rinforzare il più possibile la difesa e l’attacco.

Con che moduli si gioca il CA estremo?
I moduli più ricorrenti sono due:
– 523: si gioca con 5 difensori, 2 ali e 3 attaccanti, per avere, oltre a una difesa forte, un attacco forte su tutti e tre i lati; questo modulo è UTILIZZABILE da tutte le squadre (di club e nazionali).
– 532: si gioca con 5 difensori, 2 ali e 2 attaccanti, per avere una difesa molto forte e un attacco valido sui tre lati, oppure gli attacchi laterali molto forti, qualora si decida di schierare gli attaccanti verso l’ala, tralasciando il centro. L’unico centrocampista centrale può essere un difensore puro, schierato difensivo per rinforzare la difesa, oppure un giocatore con passaggi molto alti (anche monoskill), schierato offensivo per rinforzare l’attacco; oppure ancora può essere un tiratore, qualora non se ne abbia uno valido nelle altre posizioni.

Quali sono i punti di forza e di debolezza del CA estremo?
Il punto di forza del CA estremo è che, grazie ad una difesa e un attacco molto forti, si hanno molte possibilità di bloccare e ribaltare le azioni avversarie e concretizzare i contropiedi che si hanno a disposizione (tanti difensori con passaggi in campo favoriscono anche un’alta abilità nella tattica).
Inoltre, giocare un CA estremo significa poter giocare PIC (partitella) senza subire gli effetti negativi dell’abbassamento del centrocampo (che tanto è già a livelli minimi).
Il punto di debolezza del CA estremo sta nel fatto che si gioca lasciando il 100% (o quasi) di possesso palla all’avversario, a cui si lasciano quindi tutte le 10 azioni normali della partita (a fronte di un massimo di 3 contropiedi a disposizione); la pratica ha mostrato molte partite in cui attacchi avversari relativamente inferiori sono riusciti a bucare difese molto più forti, poiché con 10 azioni a disposizione prima o poi la si butta dentro.

LI – Liberta’ d’inventiva

LIBERTA’ D’INVENTIVA
In gergo: LI (dall’italiano Libertà d’Inventiva).

Quali sono gli effetti della tattica?
L’obiettivo della LI è quello di aumentare la possibilità che si verifichino degli Special Event (SE) in partita.
Tale possibilità aumenta ancora di più se entrambe le squadre giocano LI, ma non è ancora ben chiaro quale sia il numero massimo di SE possibili; è raro vederne più di 3 o 4 a partita, e spesso non ne vedrete neanche uno.
Attenzione: giocare LI comporta l’aumento della probabilità che entrambe le squadre facciano SE.

Come si calcola l’abilità della tattica?
NON esiste abilità della tattica per la Libertà d’Inventiva; si può solo affermare che, più giocatori con specialità si hanno in campo, maggiori probabilità si hanno di fare SE.

Quali sono gli svantaggi della tattica?
Lo svantaggio della LI è che si abbassano le valutazioni della propria difesa, oltre al fatto che aumentano le possibilità sia di avere degli Special Event negativi, ossia dannosi per la propria squadra, sia di favorire degli Special Event positivi per il nostro avversario.

Quali sono i moduli consigliati per giocare LI?
Non esistono moduli consigliati, poiché la cosa più importante è avere i giocatori con le giuste specialità.

Quando conviene giocare LI?
Per giocare LI bisogna innanzi tutto avere parecchi giocatori in campo con specialità, e controllare/sperare che l’avversario, al contrario, ne abbia pochi o non ne abbia che possano generare SE positivi, altrimenti potrebbe essere un’arma a doppio taglio.
Potrebbe poi convenire giocare LI quando si ritiene di avere poche chance di segnare alla difesa avversaria su azioni normali, sperando così di segnare sfruttando gli SE, oppure quando si vuol tentare di incrementare il numero di gol segnati in una partita dove si è già abbondantemente forti e superiori.

Pressing

PRESSING
In gergo: PRESSING (dall’inglese pressing).

Quali sono gli effetti della tattica?
L’obiettivo del pressing è quello di eliminare/cancellare dalla partita una o più delle 10 azioni normali che ogni gara dovrebbe avere.
È possibile pressare, e quindi annullare, da un minimo di 0 ad un massimo di 4 azioni a partita (anche di più, se entrambe le squadre pressano).
Sul funzionamento della tattica ci sono ancora molti dubbi: quello che è certo è che non si sa a quale delle due squadre in campo viene eliminata l’azione pressata.

Come si calcola l’abilità della tattica?
L’abilità della tattica dipende dal livello della skill difesa e della skill resistenza dei propri giocatori in campo (portiere escluso), oltre al loro livello di esperienza; inoltre, sono molto utili i giocatori con la specialità Potente, poiché per loro viene raddoppiato il valore della skill difesa (solo per quanto concerne l’apporto all’abilità del pressing).
Maggiore è l’abilità della tattica, maggiori probabilità si hanno di eliminare delle azioni.
L’abilità della tattica NON dipende da quante volte la si utilizza: se una squadra ha i giocatori adatti, può raggiungere una abilità nella tattica molto alta, anche se la utilizza per la prima volta.

Quali sono gli svantaggi della tattica?
Lo svantaggio del pressing, oltre a non sapere quale delle due squadre perde l’azione pressata, sta nel fatto che i giocatori tendono a stancarsi più rapidamente.

Quali sono i moduli consigliati per giocare pressing?
Visto che per un buon pressing è necessario avere alti valori di difesa, i moduli più adatti sono quelli che contemplano l’utilizzo di tanti difensori, quindi il 451 o il 541; tendenzialmente, si cerca anche di avere un discreto centrocampo, per questo si fa raramente ricorso a un modulo come il 532, che contempla sì 5 difensori, ma che appare più utile per giocare in contropiede.

Quando conviene giocare Pressing?
Decidere quando giocare una tattica dipende non solo dalle caratteristiche dei propri giocatori, ma anche dal confronto tra le proprie valutazioni e quelle che si pensa possa fare l’avversario.
Nello specifico, conviene giocare pressing quando si pensa di essere inferiori a centrocampo, (senza avere le caratteristiche per impostare un contropiede), ma anche quando si ha un po’ più di possesso ma si reputa che l’attacco avversario sia molto più pericoloso del nostro.
Nel primo caso, se l’avversario ha più possesso e quindi, statisticamente, più azioni, sarà più probabile eliminare una sua azione che non una nostra; nel secondo caso, pressare potrebbe consentirci, con un po’ di fortuna, di eliminare qualche sua azione probabilmente pericolosa.

CA – Contropiede

CONTROPIEDE
In gergo: CA (dall’inglese Counter Attack).

Quali sono gli effetti della tattica?
L’obiettivo del CA è quello di sopperire all’inferiorità a centrocampo grazie a una difesa forte, abbondantemente superiore agli attacchi avversari (e quindi con un’alta probabilità di fermarli) e a un attacco altrettanto forte, in grado di concretizzare le occasioni che si presentano.
È possibile avere da un numero minimo di 0 a un numero massimo di 3 contropiedi a partita; tali contropiedi potrebbero diventare 4 (e in rarissimi casi 5), qualora se ne verificassero 1 o 2 spontanei, ossia dei CA generati spontaneamente dal motore del gioco, e non dovuti alla tattica impostata. Si tratta comunque di casi molto rari.

Come si calcola l’abilità della tattica?
L’abilità della tattica dipende dal livello della skill difesa e, soprattutto, della skill passaggi dei propri difensori in campo, oltre al loro livello di esperienza; maggiore è l’abilità della tattica, maggiori probabilità si hanno di avere dei contropiedi a favore.
L’abilità della tattica NON dipende da quante volte la si utilizza: se una squadra ha i giocatori adatti, può raggiungere una abilità nella tattica molto alta, anche se la utilizza per la prima volta.

Quali sono gli svantaggi della tattica?
Lo svantaggio del CA è che si perde il 7% del rendimento del centrocampo.
E’ bene sottolineare che col CA è possibile ribaltare le azioni solo se si è inferiori a centrocampo rispetto all’avversario.

Quali sono i moduli consigliati per giocare CA?
Visto che è necessario avere una difesa molto forte, i moduli più adatti sono quelli che prevedono 4 o 5 difensori, principalmente il 433, il 442 e il 532, anche se non sono pochi i casi di squadre che giocano CA utilizzando il 451 o il 541, sfruttando in questo caso un solo lato di attacco.
A seconda poi di quali combinazioni si utilizzano a centrocampo (quante ali e quanti centrocampisti si schierano), è possibile modellare il proprio schieramento in modo da avere meno possesso palla ma attacchi forti su tutti i lati, o viceversa (più possesso, rinunciando però a un lato d’attacco).

Quando conviene giocare CA?
Decidere quando giocare una tattica dipende non solo dalle caratteristiche dei propri giocatori, ma anche dal confronto tra le proprie valutazioni e quelle che si pensa possa fare l’avversario.
Nello specifico, conviene giocare CA quando si pensa di essere inferiori a centrocampo, ma si sa di avere una difesa abbondantemente superiore all’attacco avversario, e un attacco a sua volta superiore alla sua difesa.
Da rimarcare che quasi sempre al contropiede si abbina il PIC (Play It Cool, = partitella), cosa che permette di migliorare il proprio spirito di squadra, senza avere gravi contraccolpi in partita (il PIC abbassa il rendimento del proprio centrocampo, che in caso di contropiede non costituisce un danno irreparabile).

Studio sul contropiede:

http://www.ceccoweb.com/htita/STUDIO_CONTROPIEDE.pdf

AOW – Attacco sulle fasce

ATTACCO SULLE FASCE
In gergo: AOW (dall’inglese Attack On Wing).

Quali sono gli effetti della tattica?
L’obiettivo dell’AOW è quello di spostare più azioni possibili verso i lati del proprio attacco; si può avere un aumento della probabilità che le azioni vadano sui lati da un minimo del 20% ad un massimo del 40%.

Come si calcola l’abilità della tattica?
L’abilità della tattica dipende dal livello della skill passaggi dei propri giocatori in campo (portiere escluso), e dal loro livello di esperienza; maggiore è l’abilità della tattica, maggiori probabilità si hanno di spostare azioni sui lati.
L’abilità della tattica NON dipende da quante volte la si utilizza: se una squadra ha i giocatori adatti, può raggiungere una abilità nella tattica molto alta, anche se la utilizza per la prima volta.

Quali sono gli svantaggi della tattica?
Lo svantaggio dell’AOW è che la valutazione della propria difesa centrale si abbassa.

Quali sono i moduli consigliati per giocare AOW?
Visto che è necessario avere gli attacchi laterali forti, che presuppongono l’utilizzo di 2 ali offensive, il modulo consigliabile è il 352, che garantisce anche un buon centrocampo (il 442 sarebbe troppo penalizzato, in questo senso).
Utilizzando alcuni espedienti tattici, quale quello di utilizzare un trenino di ali sullo stesso lato (utilizzandone una nel ruolo di terzino offensivo), si potrebbe fare ricorso anche a moduli con una punta, come il 451, schierando sull’altro lato la nostra ala offensiva con davanti un attaccante verso l’ala.

Quando conviene giocare AOW?
Decidere quando giocare una tattica dipende non solo dalle caratteristiche dei propri giocatori, ma anche dal confronto tra le proprie valutazioni e quelle che si pensa possa fare l’avversario.
Nello specifico, conviene giocare AOW quando si pensa di avere degli attacchi laterali in grado di bucare agevolmente le difese laterali dell’avversario.
Molto spesso, all’AOW si abbina lo schieramento dei due attaccanti verso l’ala, per incrementare il più possibile le valutazioni dell’attacco laterale; tale soluzione è ancor più utile qualora si ritenga che la difesa centrale avversaria sia difficile da superare: in tal caso può avere un senso abbandonare totalmente l’attacco centrale per garantirsi degli attacchi laterali molto forti.

AIM – Attacco al Centro

ATTACCO AL CENTRO
In gergo: AIM (dall’inglese Attack In the Middle).

Quali sono gli effetti della tattica?
L’obiettivo dell’AIM è quello di spostare più azioni possibili verso il centro del proprio attacco; si può avere un aumento della probabilità che le azioni vadano in mezzo da un minimo del 20% ad un massimo del 40%.

Come si calcola l’abilità della tattica?
L’abilità della tattica dipende dal livello della skill passaggi dei propri giocatori in campo (portiere escluso), e dal loro livello di esperienza; maggiore è l’abilità della tattica, maggiori probabilità si hanno di spostare azioni al centro.
L’abilità della tattica NON dipende da quante volte la si utilizza: se una squadra ha i giocatori adatti, può raggiungere una abilità nella tattica molto alta, anche se la utilizza per la prima volta.

Quali sono gli svantaggi della tattica?
Lo svantaggio dell’AIM è che le valutazioni delle proprie difesa laterali si abbassano.

Quali sono i moduli consigliati per giocare AIM?
Visto che è necessario avere un attacco centrale forte, il modulo più indicato è il 343, ma spesso si può fare ricorso al 352, purché si disponga di due punte piuttosto forti.
Molto più raramente si utilizza il 433, un modulo solitamente più adatto al contropiede.

Quando conviene giocare AIM?
Decidere quando giocare una tattica dipende non solo dalle caratteristiche dei propri giocatori, ma anche dal confronto tra le proprie valutazioni e quelle che si pensa possa fare l’avversario.
Nello specifico, conviene giocare AIM quando si pensa di avere un attacco centrale in grado di bucare agevolmente la difesa centrale avversaria.
Molto spesso giocare AIM è una conseguenza della scelta di rinforzare il centrocampo rinunciando alle ali offensive, ricorrendo alle ali verso il centro: in questo caso, visto che si rinuncia agli attacchi laterali, può avere un senso cercare di convogliare le proprie azioni verso l’unico attacco decente (appunto quello centrale).