La partita

Cosa vogliono dire le scritte (molto basso), (alto), etc. che trovo alla fine della partita?
Ogni reparto di gioco (Difesa sinistra/centrale/destra, centrocampo, attacco sinistro/centrale/destro) ha una sua valutazione numerica, espressa da un livello (disastroso, tremendo, etc.) e da un sottolivello (molto basso, basso, alto, molto alto). Un sottolivello non è altro che un quarto di livello. Ad esempio tremendo (molto alto) indica un numero leggermente inferiore a quello indicato da scarso (molto basso).

Come faccio a sapere se sono più forte del mio avversario?
Ogni reparto di gioco viene confrontato con il reparto di gioco corrispondente dell’avversario. Ad esempio il centrocampo si confronta con il centrocampo, l’attacco destro con la difesa sinistra, etc.
Il confronto si basa sul rapporto dei due valori e non sulla differenza, cioè fare buono (molto alto) in difesa centrale e contro l’accettabile (molto alto) del mio avversario in attacco centrale non è la stessa cosa di fare debole (molto alto) contro scarso (molto alto), mentre invece è la stessa cosa che fare debole (basso) contro scarso (alto). Questo significa che un livello in più di accettabile non è sufficiente ad essere tranquilli, mentre un livello in più di disastroso è un vantaggio nettissimo.

Come faccio a sapere il piede preferito dei miei giocatori?
I giocatori in Hattrick sono tutti ambidestri.

Quante azioni ci sono in una partita e come si distribuiscono?
Le partite in Hattrick hanno in totale 10 azioni. Queste si distribuiscono tra i due giocatori a seconda del possesso delle due squadre. Attenzione: il possesso palla di una squadradetermina soltanto la probabilità che una singola azione sia attribuita a quella squadra, ma non ne dà la certezza: è assolutamente possibile fare più azioni dell’avversario quando il possesso palla è inferiore al 50%. Inoltre questa probabilità non è lineare: cioè se il possesso è del 60% la probabilità di avere un’azione a favore è in realtà molto superiore al 60%.
A questo punto le azioni vengono distribuite sui tre lati d’attacco con le seguenti probabilità stimate:
Il 25% delle azioni va sulla fascia sinistra
Il 25% delle azioni va sulla fascia destra
Il 40% delle azioni va al centro
Il restante 10% delle azioni finisce in calci piazzati, cioè rigori e punizioni. Se giochi in casa, è più probabile che si tratti di rigore. NB: Anche in questo caso si tratta di probabilità.
Per concretizzare un’azione bisogna confrontare:
L’attacco sinistro con la difesa destra avversaria
L’attacco destro con la difesa sinistra avversaria
L’attacco centrale con la difesa centrale avversaria
I calci piazzati del tiratore con le parate dell’avversario
Anche in questo caso il confronto è solo probabilistico, e niente assicura niente.

Perché avevo il centrocampo superiore ma non ho fatto nemmeno un’azione?
Le azioni di gioco non sono tutte riportate in cronaca: quando il tuo attacco è molto inferiore alla difesa avversaria in un certo lato d’attacco, le azioni su quel lato potrebbero non venire segnalate.

Perché avevo il centrocampo superiore ma il possesso risultava inferiore?
Il possesso palla varia nel corso della partita. Espulsioni, infortuni, resistenza bassa, confusione e altri parametri possono variarlo nel corso della partita. Il possesso che viene riportato alla fine del primo e del secondo tempo è esattamente quello che si ha rispettivamente al 45esimo e al 90esimo minuto; ad esempio, se per quasi tutto il primo tempo ho un centrocampista fortissimo che viene espulso al 44°, il possesso alla fine del primo tempo non lo conterà. La valutazione finale del centrocampo invece è data dalla media della valutazione durante tutti i 90 minuti (per esempio, se fino al 60esimo minuto faccio buono molto alto – che equivale a 28 – e negli ultimi 30 minuti, per un’espulsione di un centrocampisto, la valutazione scende a insufficiente alto – che equivale a 19 – la valutazione finale sarà data da: (60×28+30×19)/90=25, ovvero buono molto basso).
Questo spiega perché, in certi casi, è possibile che la valutazione del centrocampo è superiore a quella dell’avversario mentre il possesso è inferiore.

Cosa sono gli special event?
Ci sono due tipi di special event: quelli meteo e quelli di gioco. Quelli meteo possono accadere in particolari condizioni meteo e modificano la prestazione di un giocatore (con una determinata specialità) per il resto della partita. Attenzione: non è detto che questi si verifichino e se anche si verificassero, potrebbero interessare un’abilità non utilizzata dal giocatore in questione.
Gli special event di gioco sono delle azioni speciali, indipendenti dalle 10 azioni di gioco standard, che si possono creare grazie a qualità/difetti di particolari giocatori.
L’elenco di tutti i possibili special event si trova al capitolo “partita” delle regole di Hattrick, ed è completo e di facile consultazione.

I contropiedi sono special event?
No, i contropiedi non sono special event. I contropiedi sono azioni normali “ribaltate”, cioè che vengono fermate dalla difesa di chi le subisce e trasformate in azioni proprie. Come tali, possono sfociare in un’azione sulla destra, sulla sinistra, centrale o addirittura in un calcio piazzato.

Come faccio a riconoscere uno special event?
Gli special event vengono segnalati in cronaca da alcune frasi particolari. Per riconoscere di che special event si tratta puoi dare un occhiata al sito (croack.altervista.org/index.php?option=com_content&task=view&id=33&Itemid=39)

Ho lo spirito di squadra basso ma vinco sempre, come mai? Devo assumere psicologi?
Lo spirito di squadra non è influenzato né dalle vittorie né dagli psicologi: infatti questi ultimi influiscono solo e soltanto sulla fiducia. Invece lo spirito di squadra è influenzato dall’atteggiamento che si ha in partita (partitella, partita della stagione), dai trasferimenti e negli aggiornamenti settimanali (ce ne sono sette) tende al valore “composti”, ovvero se è sotto a quel valore salirà fino a raggiungerlo, se è sopra scenderà; la rapidità con cui il TS tende a composti è influenzata positivamente dal carisma dell’allenatore: più questo è alto, minore sarà la velocità di discesa per valori superiori a composti e maggiore quella di risalita per valori inferiori.

Cosa significano le stelline grigie nelle formazioni?
Le stelle indicano il rendimento del giocatore nel ruolo dove viene posizionato durante la partita, stelle gialle più stelle grigie indicano il rendimento massimo del giocatore, che si ha nei primi minuti di gioco del determinato giocatore.
Col passare dei minuti il rendimento scende, tanto più velocemente quanto più è basso il livello di resistenza, le stelle grigie indicano proprio questo calo, meno sono e più è alta la resistenza del giocatore.

Se assumo un clown mi sale lo spirito di squadra?
No. Lo spirito di squadra può solo scendere quando fai un acquisto. Il clown è un giocatore popolare e buono in carisma che un tempo si pensava servisse davvero a qualcosa, smentita questa sua utilità pratica resta solo il suo scopo letterale, fa ridere.

Che vantaggi/svantaggi ha l’atteggiamento partitella?
Impostare l’atteggiamento “partitella” in una partita abbassa il centrocampo di circa il 15% nella partita ma in compenso alla fine di questa lo spirito di squadra si alzerà di circa il 33%. Quindi se la penalità a centrocampo non preoccupa (quando il divario è nettissimo, insomma) si può tranquillamente fare partitella. Il carisma dell’allenatore non conta niente ai fini del bonus allo spirito di squadra, però rallenta la velocità con cui scende quando questo è sopra composti. Se il carisma dell’allenatore è alto (almeno insufficiente, ma meglio se accettabile o più), è molto conveniente tenere alto lo spirito di squadra facendo sempre partitella, in quanto l’abbassamento del 15% del centrocampo è di gran lunga compensato dallo spirito di squadra alto.
È possibile (e caldamente consigliato) alzare lo spirito di squadra facendo partitella in una partita che si vincerà a tavolino.

Che vantaggi/svantaggi ha l’atteggiamento normale?
Impostare l’atteggiamento “normale” in una partita non da’ nessun vantaggio/svantaggio.

Che vantaggi/svantaggi ha l’atteggiamento partita della stagione?
Impostare l’atteggiamento “partita della stagione” in una partita alza il centrocampo di circa il 15% nella partita ma purtroppo alla fine di questa lo spirito di squadra si dimezza. Questo significa che la partita successiva avrai problemi a centrocampo dovuti ad un abbassamento dello spirito di squadra. Quindi è consigliabile fare partita della stagione:
1.L’ultima partita ufficiale della stagione: infatti se non hai altre partite successive, la perdita di spirito di squadra non ti darà problemi perché questo verrà resettati a composti all’inizio della stagione successiva
2.Se pensi che il bonus al centrocampo sia fondamentale per vincere la partita e che, una volta vinta questa, si sia conseguito il proprio obiettivo stagionale (salvezza, promozione)
3.Se è una partita abbastanza importante e si pensa che nelle due partite successive si possa fare partitella senza rischiare troppo.

Se ho lo spirito di squadra basso fare partita della stagione è dannoso?
No. O meglio, fare partita della stagione abbassa ulteriormente lo spirito di squadra, quindi darà grossi problemi nelle partite successive, ma nella partita in cui si imposta tale atteggiamento si riceverà come al solito il bonus del 15%.

Come faccio a nascondere il mio atteggiamento?
Il tuo atteggiamento è sempre nascosto agli altri, allo stesso modo con cui gli atteggiamenti dei tuoi avversari sono nascosti a te.

Cos’è l’overconfidence e come faccio ad evitarla?
L’overconfidence (dall’inglese, eccessiva fiducia in sé stessi) è un evento particolare che si può verificare (ma non è detto) all’inizio della partita se giochi contro una squadra molto più bassa in classifica, precisamente di almeno 5 posizioni. Ad esempio il 1° in classifica può subire l’overconfidence contro il 6°, il 7° e l’8°, il 2° contro il 7° e l’8° mentre il 3° solo contro l’8°. L’overconfidence viene sempre segnalata all’inizio della partita.
L’overconfidence provoca una perdita a centrocampo quantificabile intorno al 33%.
Se vai in overconfidence non significa che perdi necessariamente: se il divario a centrocampo è molto netto, il risultato della tua partita non verrà granché influenzato dall’overconfidence. Inoltre, se alla fine del primo tempo sei in svantaggio (e solo in questo caso), il tuo allenatore provvederà a strigliare i giocatori e l’effetto dell’overconfidence sparirà nel secondo tempo, dandoti il tempo di recuperare.
La probabilità che si vada in overconfidence dipende dalla fiducia della tua squadra e da quella del tuo avversario. Una fiducia molto alta aumenta il rischio di andare in overconfidence, però non pensare che con fiducia bassa non rischi l’overconfidence: si è visto andare in overconfidence anche squadre con fiducia decente. Allo stesso modo, avere fiducia molto alta non è garanzia di overconfidence in una partita a rischio.
I modi per evitare o limitare i danni dovuti all’overconfidence sono:
1.Intanto controllare effettivamente che ci sia il rischio: sei sicuro che la tua avversaria abbia almeno 5 posizioni meno di te in classifica?
2.Licenziare tutti gli psicologi che si hanno: in questo modo la fiducia sarà più bassa e si avrà un rischio minore di overconfidence
3.Rinforzare il centrocampo: se si riesce ad avere un possesso a favore nonostante il malus dovuto all’overconfidence, si hanno comunque buone chance di vittoria
4.Giocare in contropiede: le azioni di contropiede non sono influenzate dal centrocampo e pertanto nemmeno dall’overconfidence

Come influisce la fiducia in una partita?
Alti valori di fiducia danno un bonus alle valutazioni d’attacco della squadra (viceversa, bassi valori della fiducia forniscono un malus). Inoltre più è alta la fiducia di una squadra, più probabilità avrà quest’ultima di finalizzare le azioni che le capitano e viceversa più è bassa più sarà difficile segnare (confermato da HT-Tjecken in global)

(Visited 143 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.